UFC: John Jones prende bombolette spray dai manifestanti

UFC: John Jones prende bombolette spray dai manifestanti

Per la sesta notte consecutiva, i manifestanti hanno riempito le strade di tutto il paese per protestare contro la brutalità della polizia e l’uccisione di Floyd, un uomo di colore disarmato che era morto per mano di un ufficiale di polizia di Minneapolis.

Ciò che è iniziato come proteste pacifiche a volte è diventato violento, e Jones, che ha chiesto giustizia per Floyd, domenica è apparso su un post facendo un intervento drammatico mentre portava bombolette spray da due manifestanti a casa di Albuquerque, New Mexico.

Jones scrisse al suo ufficiale: “È innaturale anche per George Floyd?! Perché diavolo sei un adolescente ** che sta distruggendo le nostre città! ??” Instagram Account per accompagnare il video.

“Quando un giovane nero si fida di me, anch’io mi sento frustrato, ma non è così, abbiamo iniziato a peggiorare la brutta situazione.

“Se ami davvero la tua città (505), prenditi cura delle tue cure. Tutti i tuoi capi senior devono parlare, chiamare i tuoi giovani familiari e chiedere loro di andare a casa stasera.”

La CNN ha contattato la UFC per ottenere una dichiarazione da Jones, ma non ha ancora ricevuto risposta.

Derek Chauven, un ex ufficiale di Minneapolis che è stato visto con il ginocchio sul collo di Floyd, è stato arrestato e accusato di omicidio di terzo grado e omicidio di secondo grado, ma i manifestanti affermano che l’accusa non è abbastanza grave e chiedono le accuse degli altri ufficiali coinvolti.

La polizia ha arrestato centinaia di persone provenienti da tutto il paese la scorsa notte mentre i manifestanti si sono scontrati con le forze dell’ordine.

Jones è stato coinvolto in un’aspra disputa con il capo della UFC Dana White nei giorni scorsi e apparentemente lo è Ha rinunciato al suo titolo leggero.

L’amarezza è iniziata a causa di una disputa salariale con Jones sul pretesto che i combattenti erano sottovalutati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *