The Outpost Review: il regista Rod Lowery trasforma il libro di Jake Tapper in una visione tesa ma imperfetta della guerra

The Outpost Review: il regista Rod Lowery trasforma il libro di Jake Tapper in una visione tesa ma imperfetta della guerra

(Adattato da Paul Tamasey ed Eric Johnson), basato sul libro di Jake Tapper della CNN, racconta la vera storia di Combat Outpost Keating in Afghanistan, e la piccola unità assegnata ad essa nel 2009. Gli fu data la missione di difesa indefinita Gli interessi dell’America, operando da quello che si rivelò essere È un sito scelto molto male.

Un nuovo arrivo fu detto: “Benvenuti nel lato oscuro della luna”, mentre la parola “Uno dei letti” è scritta e “non sta migliorando”.

Per motivi di autenticità, l’interazione tra soldati è piena di vantarsi e vantarsi, che qualcuno definisce ironicamente come un “ragazzo” – anche se “cose” non sono la parola che usa.

Il gruppo, che è stato preso di mira dagli insorti nemici che sparano regolarmente contro di loro, trova una forca comica in nomi come Mortarataville per parti del campo. Tuttavia, respingono in gran parte la possibilità di un attacco su vasta scala fino a quando questa non diventa una triste realtà, portando a una frenetica battaglia per la sopravvivenza ora conosciuta come la Battaglia di Kamdesh, che occupa gran parte del film.

Ci sono momenti più tranquilli, come un intervallo in cui ognuno ha l’opportunità di passare a casa. Tuttavia, “The Outpost” trarrebbe grandi benefici dal far conoscere al pubblico i giocatori principali un po ‘meglio prima che l’Hell si dimetta.

L’obiettivo primario, chiaramente, è quello di trasmettere il coraggio dei partecipanti e di evidenziare i loro sacrifici immergendo il pubblico nel caos e nei massacri che hanno attraversato. In secondo luogo, e meno incarnato, è il problema della confusione strategica che li pone in questa posizione. (Il libro di Tapper si intitola “An Untold Story of American Courage.”)

Come dimostrato da “American Sniper”, c’è un pubblico di film moderni che celebra eroi militari e rappresentazioni palesi di guerra come “Hacksaw Ridge”. Tuttavia, questi film sono stati costruiti attorno a forti personaggi centrali, mentre questo è un pezzo di band, al costo di avere una buona presa per la maggior parte di essi.
Orlando Bloom, Caleb Landry Jones e Scott Eastwood “diretto” (destinatario di Medal of Honor) Clint RomshaEastwood, un soldato ingannevole che gioca con il ringhio che ricorda suo padre, Clint, intorno a quell’età) recita alcuni dei ruoli più importanti. Daniel Rodriguez, uno degli attuali partecipanti alla battaglia, interpreta se stesso, e le forze decorate sono spesso intervistate da Taber insieme ai titoli di coda.

In una nota ai critici, Lowry ha ammesso che avrebbe preferito il film per essere visto nei cinema, prima che si svolgessero gli eventi. Mentre l’azione può ottenere qualcosa in questo formato, le carenze di “The Outpost” sono meno legate alla dimensione dello schermo che alla profondità. Ciò non pregiudica necessariamente il messaggio centrale, ma ricorda che nel passare da un libro all’altro il muscolo tecnico da solo non è sufficiente.

Il film “The Outpost” è stato presentato in anteprima in alcuni teatri e su richiesta il 3 luglio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *