Archbishop of Canterbury Justin Welby has said the Anglican Church should reconsider its portrayal of Jesus as a White man.

L’arcivescovo di Canterbury afferma che il ritratto di Gesù come bianco dovrebbe essere rivisto alla luce delle proteste della “vita nera”

Parlando a Programma della BBC oggi, sarà Gli fu chiesto se il “modo in cui la Chiesa rappresentava Gesù Cristo” dovesse “ripensare” e “ripensare” alla luce delle recenti proteste della “vita nera” che seguirono La morte di George Floyd.

Ha detto “Sì, certo”, aggiungendo che Gesù è stato ritratto in modo diverso nei paesi di tutto il mondo. Disse che era in contatto regolare con i dirigenti della Chiesa anglicana di tutto il mondo, che non descrivevano Gesù come bianco.

“Vai nelle loro chiese e non vedi Gesù bianco – vedi Gesù nero o Gesù cinese o Gesù mediorientale – che è ovviamente il più preciso.

“Vedi Jesus Fiji – vedi Jesus rappresentato in molti modi come culture, lingue e comprensioni”.

Welby ha aggiunto che le rappresentazioni di Gesù non erano “dal culto” ma piuttosto “come promemoria dell’universalità di Dio che divenne un uomo perfetto”.

Gestione delle chiamate effetti Ha detto che quando i legami con la storia imperiale del Regno Unito e la tratta degli schiavi venivano rimossi, ha detto che le statue nella cattedrale di Canterbury sarebbero state soggette a revisione.

“Guarderemo con molta attenzione e lo metteremo nel contesto e vedremo se dovrebbero essere tutti lì”, ha detto.

“la domanda [about whether they should all be there] Sorge, ovviamente, che succede, e l’abbiamo visto in tutto il mondo “.

Il controverso movimento di proiezione e mutilazione ha guadagnato slancio nel Regno Unito, così come in Europa e negli Stati Uniti, ma l’opinione pubblica è stata divisa – poiché i critici l’hanno criticata come una “regola della folla”, mentre altri lo hanno elogiato come un modo per affrontare Razzismo organizzato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *