L'aiuto "magico" di Karim Benzema dà al Real Madrid un vantaggio rispetto al Barcellona nella corsa al titolo di campionato

L’aiuto “magico” di Karim Benzema dà al Real Madrid un vantaggio rispetto al Barcellona nella corsa al titolo di campionato

Questa volta Karim Benzema stava fornendo un aiuto magico, piuttosto che alla fine.

Il Real Madrid Il grande attaccante difensore, preso a pallavolo e diretto attraverso le gambe del difensore dell’Espanyol Bernardo, ha scoperto che il potente Casemiro ha segnato l’unico gol in una partita molto competitiva.
Con Barcellona I punti cadono per la seconda volta in tre partite, potrebbe essere il momento decisivo nella corsa al titolo della Lega spagnola, dove il Real avanza di due punti in cima.

Ma quando si tratta di fornire altro aiuto mondano, Bezema ha imparato dai migliori del mondo degli affari.

In una partita contro il Deportivo a Coruña nel 2010, il maestro spagnolo Guti – che in seguito divenne popolare con gli occhi nella parte posteriore della sua testa – stabilì Benzema con la schiena.

È ampiamente visto come il più grande aiuto di tutti … ma non più, almeno per l’allenatore del Real Madrid Zinedine Zidane.

“Penso che sia generoso”, hanno detto i giornalisti dopo la partita. “È l’ultima cosa. La cosa buona è la mossa della squadra; Sergio con la testa, Karim e la schiena dominati, e quindi Casemiro sa che Karim può inventare qualcosa. È un bellissimo obiettivo per la squadra.

“Sappiamo che Karim è un giocatore impressionante e lo dimostra in ogni partita. Il giocatore migliora sempre ed è quello che succede con Karim. Ha una buona età, a circa 32 o 33 anni se ti prendi cura di te come fa, i tuoi migliori anni nel calcio.

Ha detto a AS, “Non mi sorprende. È un giocatore che inventa le cose”. “Allora Casemiro è lì. Potrebbe essere una delle commedie da protagonista.”

L’aiutante di Benzema ha ricevuto elogi dallo stesso Gotti, che ha twittato: “Magia, amico. Brutale”.

Dopo la partita, Casemiro ha insistito sul fatto che tutto il merito per il suo obiettivo dovrebbe essere andato a Benzema.

“Sarebbe ingiusto parlare del mio obiettivo dopo quello che ha fatto Karim”, ha detto ai giornalisti. “Dobbiamo congratularci con lui, è di prima laurea. Sapendo che Karim è normale. Ha qualità n. 10, non n. 9. È un fantastico tallone. È un bersaglio decente.”

Benzema – che ora ha sette assist e 17 gol in campionato in questa stagione – ha attraversato da dietro come nessun altro aiuto.

“Questo è calcio. Queste cose mi vengono in mente, vedo il calcio in questo modo”, ha detto a Movistar. “Sapevo che Casemiro mi avrebbe inseguito.

“È stata una buona partita, ma la cosa più importante è l’obiettivo, Casemiro lo corregge. Siamo molto contenti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *