Russian state media said that no incident had occurred at the Leningrad plant in the town of Sosnovy Bor.

La Russia nega la fuoriuscita della centrale nucleare dopo radiazioni più elevate del solito in Europa

L’Istituto nazionale olandese di sanità pubblica e ambiente (RIVM) ha dichiarato domenica che livelli di radioattività “molto bassi” sono stati rilevati nei tre paesi. Ha aggiunto che non vi è stato alcun impatto sull’ambiente o sulla salute umana.

Dopo aver calcolato per trovare la fonte di radionuclidi, che sono atomi instabili, “la combinazione di radionuclidi può essere spiegata da un’anomalia negli elementi di combustibile di una centrale nucleare”, ha suggerito RIVM.

“I resoconti indicano che i nuclidi provengono dalla direzione della Russia occidentale”, ha affermato RIVM sul suo sito Web. “Non è possibile individuare una fonte più specifica a causa dei dati limitati disponibili”. Ha spiegato che “non è possibile fare riferimento a uno specifico paese di origine in questo momento”.

In risposta, la Russia ha dichiarato che non sono stati registrati incidenti in due fabbriche nella parte occidentale del paese.

“I due impianti funzionano normalmente e non ci sono state lamentele riguardo al funzionamento del dispositivo”, ha dichiarato una nota rilasciata dai media governativi, Ria Novosti di Rosenergotom, parte della “Leningrad Nuclear Energy” e della centrale nucleare di Kola. L’infrastruttura nucleare della Russia.

Anche il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha negato qualsiasi incidente.

“Disponiamo di un sistema eccezionale e moderno per il monitoraggio della sicurezza nucleare e, come ho visto, non vi sono stati allarmi relativi a minacce o emergenze”, ha dichiarato Peskov. “Non conosciamo la fonte di questi rapporti dagli specialisti nei Paesi Bassi”, ha aggiunto.

Un funzionario delle comunicazioni dell’Autorità finlandese per le radiazioni e la sicurezza (STUK) ha detto alla CNN lunedì che le autorità finlandesi non stanno specificando la fonte specifica ma hanno indicazioni che provenga da un reattore nucleare.

“STUK era in contatto con centrali nucleari locali. I materiali scoperti da STUK nel monitoraggio delle loro emissioni non sono stati scoperti. Pertanto, è probabile che il materiale radioattivo rilevato non sia di origine locale”, ha affermato l’autorità in un comunicato stampa.

Un rappresentante dell’Autorità svedese per la sicurezza delle radiazioni ha detto alla CNN che “livelli molto bassi” di isotopi Cs-134, Cs-137, Ru-103 e Co-60 sono stati trovati in due luoghi: Visby, tra l’8 e il 15 giugno e Stoccolma, tra 22-23 giugno. L’attore non ha speculato sulla fonte e sulla posizione della fonte del materiale.

Un funzionario della stampa con l’autorità norvegese per le radiazioni e la sicurezza nucleare ha dichiarato alla CNN che le ispezioni sono state effettuate circa due settimane fa, prima che le loro controparti nel nord. Si dice anche che il livello rilevato sia molto basso e che effettui più misurazioni questa settimana.

Ho citato Mary Ilyushina di Mosca. Niam Kennedy riportato da Dublino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *