After 200 years on a cliff, now this village is in apartments

La fine della povertà nel 2020 è stata la conquista di Xi. Il coronavirus potrebbe averlo distrutto

Quindi la nuova pandemia di coronavirus strappò l’economia mondiale.

La Cina ha chiuso le sue fabbriche a gennaio e febbraio per prevenire un focolaio più grande e contenere il virus, ma allo stesso tempo ha gravemente danneggiato l’occupazione e la produzione a livello locale.

Di fronte a giornalisti nel suo paese Il premier cinese Li Keqiang ha ammesso in una conferenza stampa annuale strettamente controllata alla fine dell’Assemblea nazionale che l’epidemia aveva impoverito alcuni cittadini cinesi.

“Prima che Covedi colpisse 19 anni, c’erano circa cinque milioni di persone che vivevano al di sotto della soglia di povertà. Ma a causa della malattia, alcuni di loro potrebbero essere tornati in povertà”, ha detto Lee. “Di conseguenza, ora affrontiamo un compito maggiore nel raggiungimento del nostro obiettivo.”

Gli esperti affermano che le possibilità di Xi di raggiungere il suo grande obiettivo dipendono in gran parte dal fatto che Pechino sia in grado di riportare il paese al lavoro rapidamente o meno.

“Fino a quando l’occupazione continuerà a riprendersi o per lo più a riprendersi entro la fine dell’anno, in realtà si avvicineranno al raggiungimento dei loro obiettivi di povertà”, ha affermato Scott Roselle, condirettore del Programma d’azione per l’educazione rurale dell’Università di Stanford.

“[But] Ci sono molte cose che dicono che questo sarà un problema in corso “.

Impegno enorme

Per la maggior parte del ventesimo secolo, la Cina è stata uno dei paesi più poveri del mondo.

Pechino definisce la povertà estrema meno della sopravvivenza $ 324 all’anno (2.300 yuan)È meno della metà della soglia di povertà utilizzata dalla Banca mondiale ed è la più comune Poco meno di $ 700 all’anno.
Nel 1990, Quasi 658 milioni di persone Vivevano al di sotto della soglia di povertà, secondo gli standard del governo cinese.

Da allora, questo numero è diminuito rapidamente. Nel 2012 il governo cinese ha annunciato che 115 milioni di persone vivevano in condizioni di estrema povertà. Sembra che con meno di 10 milioni di persone vivano ancora in povertà alla fine dello scorso anno La Cina si sta muovendo rapidamente per raggiungere il suo obiettivo.

Schengeng He, professore all’università di Hong Kong che studia la povertà urbana, ha affermato che sebbene siano rimaste relativamente poche persone in condizioni di estrema povertà, sono tra le più colpite.

“Sono le persone che soffrono davvero del problema della povertà”, ha detto. “Vivono in condizioni pessime, di solito in zone montuose e luoghi molto remoti.”

Il governo cinese ha fatto Impegnati a spendere $ 20,6 miliardi (146 miliardi di yuan) sulla riduzione della povertà nel 2020 – una cifra che non include fondi aggiuntivi da governi locali e società private, come Ali Baba (Baba) E Tencent (TCEHY), Che è fortemente incoraggiato a contribuire.
Questo denaro del governo è distribuito a livello locale e in che modo la povertà è lasciata in ogni provincia, città e città principalmente per i funzionari – una tattica che Xi ha detto è stata progettata per adattare le politiche. Per aree specifiche.
più di 750 mila funzionari del Partito Comunista È stata inviata nei villaggi di tutto il paese per valutare la povertà locale, con diverse interviste porta a porta condotte, secondo esperti e media governativi.
Le soluzioni adottate dai funzionari locali per la crisi della povertà variavano. In alcuni luoghi, gli abitanti del villaggio sono stati dati Piccoli prestiti per iniziare un’attività Oppure, i siti di e-commerce come Taobao sono stati evidenziati per vendere meglio i loro prodotti.
Altre misure di riduzione della povertà sono state controverse, come il piano d’azione Milioni di poveri Dalle loro comunità rurali a più ambienti urbani. Alcuni residenti si rifiutarono di trasferirsi o si ritrovarono Incagliato in nuove città Senza lavoro o competenze commerciabili.

Hu, un professore di Hong Kong, ha affermato che il governo cinese ha autorizzato gli enti scientifici locali a monitorare attentamente i loro progressi nella riduzione della povertà nel 2020, per garantire che l’obiettivo fosse raggiunto in un “anno molto importante”.

Ma secondo i miei colleghi in Cina, non pensano che ci sia un grosso problema per il governo nel rispettare questo impegno “.

Questa foto di settembre 2017 mostra un cartellone contenente una foto del presidente cinese Xi Jinping in visita ai residenti nel villaggio di Zhangzhuang a Lankao, nella provincia di Henan, nella Cina centrale.

Milioni di persone sono disoccupate

Esperti indipendenti affermano che ottenere un quadro accurato della povertà rurale sul terreno è difficile, in parte a causa delle grandi dimensioni della Cina e in parte a causa della sua segretezza del governo, in particolare sotto l’amministrazione autoritaria e non severa di Xi.

Ma ci sono già segnali che i poveri della Cina potrebbero essere stati duramente colpiti dalla recessione economica del coronavirus.

La disoccupazione cinese è balzata sulla scia del virus e ufficialmente è salita al massimo Il 6,2% della popolazione è a febbraio. Il governo cinese non ha rilasciato il numero totale di disoccupati ufficiali, ma secondo i calcoli della CNN avrebbe potuto raggiungere i 29 milioni.

Questa cifra ufficiale, tuttavia, non include le persone nelle comunità rurali o un gran numero di 290 milioni di lavoratori migranti che lavorano nelle costruzioni, nella produzione e in altre attività a basso salario ma vitali.

80 milioni di cinesi potrebbero essere già disoccupati. Altri 9 milioni saranno presto in competizione anche per lavori
Se questi immigranti fossero inclusi, 80 milioni di persone sarebbero state disoccupate alla fine di marzo, secondo un articolo scritto in aprile da Zhang Bin, un economista dell’Accademia cinese delle scienze sociali, un centro di ricerca gestito dal governo.

“Tempesta perfetta”

Un sondaggio sulle famiglie rurali cinesi condotto dalla Stanford University Programma d’azione per l’educazione rurale (REAP) Nei primi quattro mesi dell’anno, quando i paesi sono stati maggiormente colpiti dal virus, il 92% degli intervistati nei villaggi ha riscontrato che i loro livelli di reddito sono diminuiti a causa delle misure di protezione dalla pandemia.

“L’occupazione dei lavoratori rurali è stata sostanzialmente pari a zero per un mese intero dopo l’inizio della quarantena”, afferma il rapporto.

La metà dei villaggi intervistati dal team dell’Università di Stanford ha registrato perdite medie da circa $ 281 a $ 704 (da 2.000 a 5.000 yuan) a marzo.

“La metà di loro ha ridotto la sua alimentazione e la sua varietà – sono andati a cereali e hanno seguito una dieta vegetariana invece di carne e frutta”, ha detto Roselle di Ryab, che ha preparato lo studio, per gestire questo reddito. Loro fecero Ha anche in qualche modo ridotto la spesa per l’educazione dei propri figli e la spesa per problemi di salute non vaccinati “.

REAP non è l’unico sondaggio che ha riscontrato tagli significativi agli stipendi rurali durante il Coronavirus. Cercato da Accademia cinese delle scienze agrarie (CAAS)Secondo i media governativi, China Daily ha scoperto che l’80% dei lavoratori agricoli intervistati ha dichiarato che i loro redditi potrebbero scendere di oltre il 20%.

Alcune stime del CAAS hanno rilevato che i salari degli agricoltori potrebbero scendere fino al 40%.

A peggiorare le cose per alcune comunità rurali, alcune parti della Cina hanno sperimentato le peggiori inondazioni degli ultimi decenni a giugno, proprio quando hanno iniziato a tornare dai loro piedi dal coronavirus.

Secondo i media governativi, decine di migliaia di case lungo il fiume Yangtze sono state distrutte e almeno 12 milioni di persone sono state colpite, costando all’economia circa 3,6 miliardi di dollari.

John Donaldson, esperto di povertà e professore associato presso l’Università di Singapore per la gestione, ha affermato che il coronavirus è stato per molti versi una “tempesta perfetta” per le persone che vivono in povertà in Cina, che ha colpito contemporaneamente diversi settori.

“Le fabbriche non sono ancora pronte e stanno funzionando a pieno regime, in parte a causa del timore del virus Corona, hai una costruzione [being put on hold]Perfino gli hotel che acquistano molto cibo dalla campagna sono a corto di affari. ”

Inoltre, Donaldson ha affermato che i funzionari locali responsabili delle misure di riduzione della povertà erano stati impegnati a combattere il loro coronavirus.

il messaggio

Nonostante le battute d’arresto, il Partito Comunista al potere e i media statali stanno conducendo una campagna coordinata per rassicurare il pubblico locale sul raggiungimento del loro obiettivo.

All’inizio di giugno, Xi ha visitato la provincia settentrionale di Ningxia per visitare le famiglie e osservare un seminario, costruito con denaro per alleviare la povertà, mentre gli abitanti del villaggio producevano cartoni.

“(L’undicesimo) ha sottolineato gli sforzi compiuti per ottenere una vittoria decisiva nella costruzione di una società moderatamente prospera sotto tutti gli aspetti e nell’eliminazione della povertà”. Agenzia di stampa Xinhua Ha detto per iscritto del tour.

Gli esperti generalmente concordano sul fatto che è improbabile che il governo cinese annuncerà che alla fine del 2020 ha mancato i suoi obiettivi di riduzione della povertà. Donaldson ha affermato che è probabile che gli obiettivi vengano raggiunti o che saranno elusi abbastanza per dire che sono stati raggiunti.

Ma c’è da temere che anche se Pechino raggiungerà il suo obiettivo di eliminare la povertà estrema entro la fine dell’anno, c’è ancora molta strada da fare per migliorare la vita di centinaia di milioni di cittadini.

Per anni, Xi ha affermato che la Cina era diventata una “società moderata e prospera”.

Ma parlando alla sua conferenza stampa di maggio, mi ha detto che ci sono ancora 600 milioni di persone – circa il 40% della popolazione – Chi viveva con un reddito mensile di circa 140 dollari (1.000 yuan).

“Affittare una stanza in una città cinese media non è nemmeno abbastanza”, mi ha detto.

Donaldson ha affermato che la sua più grande preoccupazione è che una volta che il governo cinese ha annunciato di aver sradicato la povertà estrema, le autorità locali possono smettere di trattare tutta la povertà come una questione importante, nonostante Milioni di persone hanno ancora bisogno di aiuto urgente.

“Voglio dire, questo è il fondo Linea: se La povertà è sradicata, quanti poveri dopo questa campagna? Nessuno lo saprà. “

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *