Il video sembra mostrare una macchina della polizia di Detroit che guida verso i manifestanti

Il video sembra mostrare una macchina della polizia di Detroit che guida verso i manifestanti

Il video, filmato dal manifestante Ethan Kettner, mostra il SUV DPD attraverso una folla di manifestanti dopo che alcuni di loro sono saliti sul cofano. Dopo alcuni secondi, la macchina accelera, alcuni dimostranti bussano e indirizzano altri verso il cofano.

I due video della dashcam, pubblicati sul Twitter del dipartimento, mostrano cosa è successo dal punto di vista degli ufficiali. Un filmato è stato girato dal sito web di Al-Fadl del veicolo a quattro ruote motrici DPD accusato di aver guidato i manifestanti quando l’auto è rimasta intrappolata. Il video mostra i manifestanti che circondano la macchina e una persona si siede in cima alla macchina, quindi i segni coprono il cruscotto prima che la macchina si precipiti tra la folla.

Il secondo video della dashcam è stato preso da un altro veicolo di polizia nelle vicinanze, catturando in parte il veicolo DPD in questione circondato da manifestanti e poi accelerando.

Almeno un manifestante sembra essere stato lasciato sul cofano, sospeso in macchina mentre sfrecciava via, e poi gettato più tardi mentre il veicolo stava viaggiando.

John Roch, il sindaco di Detroit Mike Dogan, direttore dei media, ha rifiutato di commentare e ha trasmesso tutte le comunicazioni su questo incidente al dipartimento di polizia.

Il capo della polizia di Detroit, James Craig, ha parlato dell’incidente in una conferenza stampa lunedì, affermando che gli investigatori “non erano nemmeno stati 24 ore” nelle indagini. Inizialmente, tuttavia, ha difeso le azioni degli ufficiali di lasciare la scena non appena hanno lasciato la folla.

“Gli agenti hanno fatto la cosa giusta”, ha detto. “Hanno definitivamente lasciato il sito e poi dopo essere andati via per evitare ulteriori danni, i manifestanti sono partiti senza altri incidenti”.

Il video mostra il lunotto posteriore del veicolo della polizia intatto per circa 14 secondi, ma dopo 30 secondi sembra avere una grande apertura al suo interno. Craig ha detto che a questo punto, l’analisi video non mostra ciò che ha rotto la finestra posteriore, ma ci sono state segnalazioni che è stato rotto da uno skateboard. Ha detto che la protesta per annullare la polizia è stata pacifica fino a quando i manifestanti hanno circondato la macchina.

“Sapevamo allora che non dovevamo metterci in una situazione in cui un gruppo di criminali circondava e attaccava la macchina”, ha detto. “In questo caso, si aspettavano – stavano solo bloccando il modo di riorientare, ma non pensavano che avrebbero ottenuto la risposta che hanno ottenuto.”

Craig ha aggiunto che i due ufficiali in macchina hanno detto agli investigatori che credevano di poter essere fucilati, provocando loro di fuggire dalla scena. Ha detto che nessun ufficiale – in macchina o di pattuglia delle proteste – è rimasto ferito.

Kettner ha affermato che le proteste sono state pacifiche fino a quando quattro auto non hanno bloccato la strada dei manifestanti, spingendoli a isolare i veicoli fino a quando gli agenti non hanno lasciato la strada.

“Quando abbiamo superato i quattro, l’autista si è girato e ha iniziato a muoversi verso di noi”, ha detto Kettner alla CNN. “Non riesco a spiegare come e perché abbia pensato che fosse una buona idea, ma è quello che ha deciso di fare. C’erano altri veicoli nella Verner (autostrada) e se avessero provato a dichiarare di averci fatto (per sorpassarci), avrebbero potuto inviare un altro ufficiale ( Sulla strada) “.

Kettner ha detto che la polizia non ha ordinato ai manifestanti di stare lontano dalla strada prima che l’auto accelerasse tra la folla.

“Successivamente, abbiamo avuto il nostro team medico – volontari degli ospedali di tutto il paese che sono usciti – hanno preso tutti i feriti, li hanno esaminati e li hanno riparati, e da quel momento, tutti i feriti sono stati in grado di camminare per un’ora, un’ora e mezza al parco.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *