Charlie Daniels, "The Devil Went Down to the Georgian Singer", morì all'età di 83 anni

Charlie Daniels, “The Devil Went Down to the Georgian Singer”, morì all’età di 83 anni

Gli editori dell’annuncio hanno dichiarato in una dichiarazione che il polistrumentista ha avuto un ictus emorragico a Hermitage, nel Tennessee, e ha annunciato la sua morte lunedì.

Daniels, presentatore dei diplomati Country Hall of Fame e Grand Ole Opry, è nato nella Carolina del Nord ma si è subito sentito a casa a Nashville. Andateci e riproducete i log con i titani della musica Bob Dylan, Leonard Cohen e Ringo Starr.

Con l’omonima band di Charlie Daniels, lui e il suo strumento più strettamente associato, il violino, guidarono un nuovo genere di musica rock meridionale.

Il suo successo più famoso, nel 1979 “Il diavolo è andato in Georgia”, rimane un punto fermo delle classiche stazioni rock.

Anche se spesso associato alla musica country, Daniels una volta disse alla CNN che non gli piaceva indossare alcun tipo di marchio.

“Ti darò un piccolo dettaglio della nostra squadra.” Daniels ha detto nel 2001. “Abbiamo suonato nei Rolling Stones anni fa a Memphis, nel pomeriggio, e quella sera ci siamo diretti ad Austin, in Texas, e abbiamo lavorato al picnic di Willie Nelson.”

Nel 2008, è stato inserito in Grand Ole Opry, quasi 40 anni dopo la sua carriera. Daniels ha impiegato fino al 2016 per accedere alla Country Music Hall of Fame.

Daniels scriveva regolarmente delle sue convinzioni politiche Sul suo sito web E la sua pagina su Twitter, compresi i giorni prima della sua morte.

Molte delle sue canzoni erano radicate nel patriottismo e nel suo fascino per gli Stati Uniti, che spesso definiva “il più grande paese del mondo” nella sua musica.

Nel 1980, è stato rilasciato “In America” ​​in risposta alla crisi degli ostaggi in Iran.

Dopo più di 30 anni, lo ha spinto esplicitamente a ritirarsi dal concerto della contea di Frederick, che onorava i soccorritori l’11 settembre.

Daniels ha pianificato di svelare una nuova canzone, “This Ain’t No Rag, It’s a Flag”, ma gli organizzatori del partito hanno respinto il testo della canzone, che includeva “Questo non è uno straccio, è una bandiera e non ce lo portiamo in testa”.

Ma la canzone che sarà conosciuta per sempre è “Il diavolo è andato in Georgia”, che è lo “stompin” romano, ed è una fantasia terrificante tra Satana e un ragazzo di campagna di nome Johnny per l’anima di quest’ultimo.

La canzone ha trascorso settimane in classifica e alla fine è diventata Platinum. Un anno dopo il suo lancio, è stato mostrato nel film “Urban Cowboy”, che è stato mostrato a un pubblico più ampio. Di recente è apparsa nel videogioco “Guitar Hero”.

Nel 2014 ha co-fondato Progetto Trip House, Che collega i veterani con organizzazioni no profit per l’assistenza sanitaria, l’istruzione e le risorse professionali.
L’ultimo progetto musicale di Daniels è stato in collaborazione con Beau Weevils in un album che ha aggiunto una svolta contemporanea al rock retrò del sud di Daniels. Rose in “Quarantine Edition” per la canzone di questo album“Geechi Geechi Ya Ya Blues” solo il mese scorso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *