Allenatore del Denver Bronkos: "Non vedo affatto il razzismo nella National Football League"

Allenatore del Denver Bronkos: “Non vedo affatto il razzismo nella National Football League”

“Penso che i nostri problemi nella National Football League in questo senso siano minimi”, ha detto. “Siamo un legame di merito, guadagni ciò che ottieni, ottieni ciò che guadagni.”

“Non vedo affatto il razzismo nella NFL. Non vedo discriminazioni nella National Football Association”, ha aggiunto Fangio. “… siamo fortunati. Viviamo tutti insieme, ci uniamo per un obiettivo comune, e tutti mescoliamo e mescoliamo enormemente. Se la società riflette il team NFL, saremo tutti fantastici.”

I commenti di Fangio sono stati i seguenti I manifestanti sono arrivati ​​il ​​loro ottavo giorno Proteste per la morte di George Floyd in custodia di polizia. Fangio ha descritto la morte di Floyd come “un problema sociale a cui tutti dobbiamo unirci per correggerlo”.

Delle 32 squadre della National Football League, solo quattro hanno un allenatore importante oltre al bianco. Delle cinque offerte di lavoro disponibili, solo una è stata occupata da una persona non bianca quando Ron Rivera, un ispanico, è stato nominato da Washington. Solo due degli attuali direttori generali sono minoranze.

Ha criticato la NFL per la sua risposta all’ex centrocampista dei 49ers Colin Cabernick Inginocchiati durante l’inno nazionale durante la stagione 2016 per protestare contro la brutalità della polizia e l’ingiustizia etnica. Quando Kaepernick è diventato un agente libero nel 2017, nessuna squadra gli ha offerto un contratto e ha accusato i proprietari della squadra di collusione per impedirgli di firmare.
Coleen Cipernic avvia il fondo di difesa legale per i manifestanti arrestati a Minneapolis

Il 19 maggio, la National Football Association ha annunciato l’implementazione di migliori politiche sulla diversità e l’espansione della base di Rooney, che ha richiesto alle squadre di incontrare un allenatore di minoranza ogni volta che è stato aperto un allenatore principale.

Ora, i club dovranno incontrare almeno due candidati di minoranza per la posizione di primo allenatore; Almeno un candidato di minoranza per uno dei tre posti vacanti dei coordinatori; E almeno un candidato di minoranza esterna per le operazioni calcistiche senior o la posizione di direttore generale.

Le minoranze e le candidate devono inoltre essere incluse nelle operazioni di front office per posizioni di alto livello come presidente di club e amministratori delegati in comunicazioni, finanza, risorse umane e legali, operazioni di calcio, vendite e marketing, sponsorizzazioni, tecnologia informatica e posizioni di sicurezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *